Image
19/02/2019 455 Visualizzazioni

Minacciavano di distruggere un vigneto se non avessero ricevuto una cospicia somma di denaro

TRINITAPOLI, ARRESTATI DUE BRACCIANTI PER ESTORSIONE AI DANNI DI UN AGRICOLTORE

Nella serata di venerdì scorso, 15 febbraio, i Carabinieri della Stazione di Trinitapoli hanno tratto in arresto, per estorsione aggravata, Piazzolla Michele, 34enne, e Mariano Giovanni, 25 enne, entrambi braccianti agricoli di Barletta. Qualche ora prima un agricoltore, proprietario di un terreno a Trinitapoli, aveva denunciato di aver ricevuto una telefonata anonima, in cui uno sconosciuto gli aveva imposto di lasciare, in un punto ben preciso, 3.000 euro in contanti, per evitare il danneggiamento di un vigneto. L'agricoltore, che ha successivamente ammesso di aver subito e ceduto ad un identico riscatto la settimana prima, perdendo una somma pari a 5.000 euro. Intuita la soluzione del problema, la vittima si è presentata dai Carabinieri raccontando tutto. In accordo con i militari, quindi, la vittima del vile ricatto ha riposto il denaro in un secchio, lasciandolo nel luogo indicato, discretamente sorvegliato dai Carabinieri. Al termine di una breve attesa i militari appiattati hanno visto i due complici che, arrivati a bordo di un'auto, dopo aver prelevato il denaro, si sono allontanati, dirigendosi verso Barletta. A quel punto i Carabinieri, usciti allo scoperto, hanno intimato l'alt per procedere al controllo dei due sospetti, i quali, anziché fermarsi, hanno bruscamente accelerato, innescando un inseguimento ad alta velocità, conclusosi nelle campagne di Barletta. I due complici, dichiarati in arresto, dopo le formalità di rito sono stati ristretti presso la casa circondariale di Trani dove, a seguito dell'udienza di convalida, il GIP competente ha stabilito debbano rimanere. L'esito positivo della vicenda, oltre che l'aver fatto giustizia e restituito la somma di denaro alla vittima, ha regalato a quest'ultima il convincimento che, in caso di soprusi, la miglior soluzione è quella di rivolgersi alle Forze dello Stato.

Condividi sui Social