Image
05/09/2017 190 Visualizzazioni

Un solo punto conquistato in 180' ma le statistiche incoraggiano Stroppa

FOGGIA, E' QUESTIONE DI NUMERI...

L’Entella è ormai alle spalle. Da ieri il Foggia ha ripreso a lavorare. Testa e cuore unicamente sulla gara in programma sabato ad Avellino, dove Vacca e soci proveranno a conquistare il primo successo in campionato. I primi 180 minuti hanno finora fruttato solamente un punticino. Tuttavia non sono mancati spunti di riflessione: di positivo, domenica sera, c’è stata una squadra che non ha di fatto concesso quasi nulla all’avversario. Un Foggia che tuttavia alla prima e unica disattenzione è stato castigato, a testimonianza di quanto in B nulla venga perdonato.

Rispetto all’esordio di Pescara la squadra di Stroppa ha costruito sensibilmente meno: c’è però da considerare che all’Adriatico i rossoneri hanno trovato di fronte un avversario tatticamente diverso dall’Entella, che è invece sceso allo Zaccheria con un atteggiamento accorto e rinunciatario e ha puntato tutto sull’organizzazione difensiva.
Tra le due sfide di Pescara e quella interna con l’Entella c’è comunque un comune denominatore: in entrambe le gare il Foggia ha mostrato superiorità nel palleggio e nel possesso palla: 53% a Pescara, addirittura 58% il possesso manifestato contro i liguri.

Contro l’Entella il Foggia ha tirato nello specchio della porta per 5 volte, 11 invece le conclusioni contro il Pescara. Numeri a parte, c’è ora l’Avellino da preparare. Al Partenio-Lombardi il Foggia sarà seguito da 800 tifosi: è il numero dei tagliandi messi a disposizione dei supporter rossoneri, biglietti che andranno certamente polverizzati nelle prossime ore.

Condividi sui Social