Image
26/03/2017 1715 Visualizzazioni

Un'autorete di Gil in apertura di ripresa consente al Foggia di avvicinare la promozione

E SONO SEI! LA SERIE B E' SEMPRE PIU' VICINA...

Per la prima volta in assoluto il Foggia sbanca Catania e lo fa conquistando la sesta vittoria di fila che avvicina in maniera sensibile la serie B. Restano 4 i punti di vantaggio dei rossoneri sul Lecce (che ha battuto il Fondi), ma c’è una giornata in meno da giocare e soprattutto un ostacolo duro superato a piedi uniti da Agnelli e soci. Ai quali basta un acuto in apertura di ripresa per piegare le sterili resistenze degli etnei: al 48’ Chiricò calcia una punizione che incrocia l’involontaria deviazione di Gil. E’ il gol che decide la sfida e consente di tenere a debita distanza il Lecce.

La gara nella prima frazione di gioco non offre grossi spunti: il Foggia ha l’occasione per passare dopo la mezzora con Di Piazza, ma l’attaccante si divora il gol a due passi dalla porta calciando con il destro fuori misura. In avvio di ripresa il Foggia trova il vantaggio, come detto in seguito ad una punizione di Chiricò. Al 54’ Pisseri salva su Deli e tiene in vita il Catania. Stroppa, che in avvio preferisce Agnelli a Vacca, riconfermando per il resto gli stessi uomini che una settimana prima hanno steso il Lecce, cambia alla metà del secondo tempo: dentro Gerbo e Sainz Maza, rispettivamente per Deli e Chiricò.

Il tecnico rossoblù, Pulvirenti, si gioca invece la carta Tavares e successivamente concede spazio a Pozzebon. Al 75’ il Foggia trema: sulla punizione di Biagianti, Bergamelli tocca con il tacco e mandala sfera a sbattere contro la traversa. Il Foggia va vicinissimo al raddoppio al 77’: Gerbo dalla destra imbecca Di Piazza, che a due passi dalla porta spara fuori misura. Da registrare nel finale l’infortunio a Rubin, che ha lasciato il posto a Figliomeni. Si chiude tra la festa dei rossoneri e le bordate di fischi del Massimino all’indirizzo di un Catania che dopo la quarta sconfitta di fila vede sempre più lontani i play off. Per il Foggia, invece, c’è ora la possibilità di allungare ulteriormente: domenica allo Zaccheria arriva la Paganese, con il Lecce di scena a Cosenza.

Condividi sui Social