Image
17/07/2018 25 Visualizzazioni

Operazione a San Giovanni Rotondo

CARABINIERI ARRESTANO 18ENNE PER PRODUZIONE ILLECITA DI SOSTANZA STUPEFACENTE


Nella mattinata di giovedi scorso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato C.S.P., pregiudicato, 18enne del luogo, resosi responsabile di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, nel corso di un ampio servizio a largo raggio che ha visto impiegato anche personale delle Stazioni di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna e del 5° Reggimento a Cavallo, hanno eseguito a San Giovanni Rotondo numerose perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di alcuni personaggi di spicco della criminalità locale. Nel corso di una di queste perquisizioni, presso l’abitazione dell’arrestato sono stati rinvenuti 45 grammi circa di hashish e una piantina di marijuana, oltre a tutto l’occorrente per la produzione ed il confezionamento in dosi dello stupefacente, consistente in un impianto domestico per la coltivazione della marijuana, costituito da una tenda di plastica, aerata attraverso un tubo di alluminio collegato alla canna fumaria della casa, un rilevatore di umidità e temperatura, una lampada alogena, un aspiratore a ventilazione e fertilizzanti, un bilancino di precisione, tre tritaerba, oltre alla somma contante di 160 euro. Nella stessa sono anche state trovate e sequestrate alcune armi bianche e strumenti da offesa, quali coltelli a serramanico, sfollagente, una katana ed una mazza da baseball.

Le analisi eseguite da personale del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Foggia, hanno poi permesso di accertare che dalla sostanza stupefacente sequestrata, stando alle tabelle ministeriali, sarebbe stato possibile ricavare ben 279 dosi.

L’impianto di coltivazione e produzione è stato rimosso e sottoposto a sequestro, unitamente a tutto il resto del materiale rinvenuto, mentre l’arrestato, su disposizione dell’A.G., è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Condividi sui Social